English

GLI HARRAGA DI ANNABA

"Harraga", parola che, in arabo, indica il migrante clandestino colui che brucia le frontiere, in questo caso dall'Algeria verso la Sardegna. Questi Harraga algerini sono ventenni consapevoli che si sentono delusi e senza prospettive nel proprio paese, che non partono per bisogno estremo bensì alla ricerca del benessere consumistico che offre l'Occidente, di una maggiore libertà di movimento, e magari di quel patinato mondo trasmesso dai canali satellitari della tv. La barca li attende sulle spiagge di Annaba, località algerina che si affaccia sul Mediterraneo. Il loro viaggio della speranza verso l'Europa, in questo caso la Sardegna, si svolge scandito da musica rap, reggae e ska in arabo. Arrivati a destinazione si scontrano con le reazioni e le paure degli isolani verso il fenomeno degli sbarchi: le immagini provenienti da Lampedusa sono infatti nell'immaginario di tutti.

Regia:
Lemnaouer Ahmine